Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

lunedì 5 dicembre 2016

ORECCHIO OVATTATO, MUCO AL RISVEGLIO E DIETA MIGLIORATIVA


LETTERA

UN MESSAGGIO DALLA MAGNIFICA COSTA AMALFITANA

Carissimo dr Vaccaro, oramai ci sentiamo con frequenza mensile. Sono sempre io, Antonio dalla Campania, precisamente da Amalfi. Paese bellissimo, ricco soprattutto di agrumi e tanta frutta e verdura, ma non mancano anche il pesce e dolci. Provengo da entrambe le famiglie di ottimi pasticceri e chef, quindi da gente che sa sempre come tirarti su il morale.

QUALCHE RINUNCIA ALIMENTARE CON LA NUOVA DIETA

Questo accadeva fino a qualche anno fa, adesso che sono diventato tendenzialmente vegano, non tocco più carne, pesce e latticini. Ogni tanto qualche uova che porta il contadino vicino casa ancora la mangio. Ci siamo sentiti il mese scorso per quel problema ai bronchi, problema che attualmente non ho, ma forse credo che sia tutto collegato all'intestino.

ORECCHIO SINISTRO OVATTATO E MUCO IN GOLA AL RISVEGLIO

Da qualche settimana ho l'orecchio sinistro ovattato e soprattutto la mattina ho una grande quantità di muco in gola che devo necessariamente espellere, oltre al fatto di non assaporare più gli ottimi cibi che Madre Natura ci fornisce. Nonostante stia mangiando correttamente, tranne qualche sabato, che vado a mangiare la pizza con gli amici, non credo di avere un'alimentazione scorretta. Come le dicevo nella precedente mail, sto cercando di eliminare del tutto i farinacei, che causano non pochi problemi all'intero organismo per via della quantità di glutine.

TAVOLA CALDA E VERDURE IN SCATOLA

Sono un sistemista, per cui lavoro 8 ore al giorno seduto davanti ad una scrivania e mangio presso una tavola calda che prepara verdure logicamente in scatola. Prediligo ovviamente solo verdure cotte, perché non ci sono quelle crude, e il riso, purtroppo bianco.

QUALCHE PROBLEMA COL DIGIUNO

Vorrei provare a fare un digiuno di almeno 3 giorni, con sola acqua e limone, ma dato il lavoro che faccio non sarebbe ideale. Spero che tu possa rispondermi di nuovo, come hai sempre fatto.
Se non ci dovessimo sentire di nuovo, ti faccio gli auguri di un sereno Natale ed un felice anno nuovo. Un abbraccio sentito.
Antonio

*****

RISPOSTA

DISINCROSTAZIONI INTERNE E SCARICHI TOSSINE NON SONO MAI INCONVENIENTI

Ciao Antonio. Le rinunce che hai apportato nella dieta si trasformeranno via via in fattori di depurazione e di pulizia interna da vecchi cumuli di tossine incrostate. Per paradosso comporteranno anche il tipo di inconvenienti che già stai sperimentando, come intasamento orecchi e muco di buon mattino. Inconvenienti apparenti, visto che ogni depurazione ha grande importanza nell'economia e nella funzionalità globale del sistema. Non servono interventi e cure, visto che il corpo è dotato degli strumenti di recupero e dei mezzi di remissione naturale. Strumenti che vanno attuati  e messi in funzione con regolarità e coerenza.

CI SONO AMPI MARGINI DI MIGLIORAMENTO

Direi anzi che hai ampi spazi di miglioramento in tutto questo, dal momento che il tuo lavoro di sistemista seduto per 8 ore, e il tuo ricorrere a verdure cotte e in scatola, non è certamente il massimo per ripulirsi e per mantenersi depurati al proprio interno.

STACCARSI DALLA SEDIA PER DEI MOMENTI DI RELAX

Visto che il digiuno non rappresenta la migliore soluzione, dovrai necessariamente puntare a una dieta adatta alle tue particolari esigenze sia fisiologiche che lavorative. Sul piano comportamentale dovresti di sicuro prenderti dei momenti di interruzione alle 8 ore da seduto, concedendoti almeno 4 soste di 15 minuti, dedicate a respirazione, quattro passi e a quattro saltelli, preferibilmente al sole.

SPREMIAGRUMI E PRESSA PER IL SUCCO DI CAROTE

L'utilizzo di uno spremiagrumi e spremi-melegrane per le prime ore del mattino sarà utile. Anche una centrifuga o una pressa per i succhi di 4 carote-1 costa sedano-1 fetta ananas o una mela, o anche per semplice succo di carote o per semplice succo di mele allungato con acqua, da assumersi sorseggiando a stomaco vuoto e lontano dai pasti, ti aiuterebbe.

UN COPIOSO PIATTO DI INSALATA CRUDA NON DEVE MAI MANCARE

A pranzo e cena non esistono soltanto tavole calde che ti saziano con cibi in scatola, privi di vitalità e di vibrazioni. Qualsiasi bar, qualsiasi ristorantino, ma persino qualsiasi supermercato, ti offre mezzo chilo o un chilo di verdura cruda, tipo insalata belga, lattuga, radicchio, rucola, finocchio, ravanelli, rapa nera piccante (per la quale serve una semplice grattugia a mano), che masticherai con calma prima di pranzo e cena, con olio di oliva e con del limone o dell'aceto non pastorizzato. Dopo la crudità puoi prenderti praticamente quello che vuoi. Un'insalata di patate con la cipolla, dei fagiolini con l'aglio, delle verdure saltate in padella, dei carciofi, delle puntarelle, delle zucchine, una peperonata, dei cereali privi di glutine come miglio, saraceno, riso. È solo una questione di organizzarsi al meglio.

Valdo Vaccaro

VEGANA IN FORMA MA CON VISO SCARNO E OCCHI INCAVATI


LETTERA

VEGANA CON PROBLEMA DI VISO SCARNO

Buongiorno. Sono la fidanzata di Jacopo il super vegano energico con livelli di B12 bassissimi!
Anch'io ho scoperto di avere un valore B12 pari a 50. Il mio enorme problema però riguarda la trasformazione del mio viso. Sono vegana da sette anni e sono felicissima di aver intrapreso questo percorso di vita. L'energia fisica è aumentata molto e non ci sono paragoni rispetto a quando seguivo una dieta onnivora. Sono migliorata tanto! L'unica cosa peggiorata è il viso.

OCCHI INFOSSATI ED INCAVATI

Questo è un problema che mi affligge tantissimo. Non ho più il grasso sulle palpebre e quindi gli occhi risultano infossati e si vede l'osso. Ho 43 anni soltanto e questo accade agli anziani, oppure alle persone malnutrite. I miei occhi risultano scavati anche sotto e le mie guance piene sono sparite. Il mio viso é scarno.

MI NUTRO BENE E CON DIETA BILANCIATA

Tutto è cominciato con la dieta vegana. Conosco molte donne e uomini che seguono questo tipo di alimentazione ma nessuno di loro ha questo problema. Le mie analisi sono perfette e mi nutro bene con cibo bio e dieta veg bilanciata. Spero che almeno lei possa darmi una risposta. Un caloroso saluto.
Deva

*****

RISPOSTA

RIFUGGIRE INNANZITUTTO DAGLI SCHEMI FISSI

Ciao Deva. Lo dico in continuazione e fino alla noia che siamo tutti diversi, che gli schemi alimentari fissi non funzionano e che serve essere aperti, flessibili, attenti ad ascoltare il proprio corpo, disposti anche a fare qualche eventuale passo avanti verso il maggior rigore vegano se questo è il problema, o anche viceversa qualche passo indietro, verso il vegetarianismo più tollerante e meno rigido, se il corpo lo esige. A volte occorre essere disposti a rinunciare alle etichette formali esterne, disposti a non chiamarsi con dei nomignoli standardizzati.

UN PO' DI SENSO AUTOCRITICO NON GUASTA

Nel caso tuo dichiari di alimentarti bene, con cibo bio e con dieta veg bilanciata. Sei sicura di quello che affermi? Le patate e le carote che mangi sono bio? Ma sono forse anche non-irradiate? Altro punto essenziale sta nel fatto che conta l'assimilazione prima ancora che l'alimentazione in sé. L'assimilazione richiede mangiare lentamente e masticare il cibo alla perfezione, oltre combinarlo al meglio, oltre che assumerlo nei giusti quantitativi.

SENTIRSI BENE È IMPORTANTE, MA OCCORRE ANCHE APPARIRE BENE

Nessuno meglio di te è in grado di valutare in tutta concretezza l'intera questione. Di sicuro il viso patito, scarno e sofferente ha i suoi significati. Per non dire poi degli occhi, che sono sempre importanti indicatori dello stato reale di una persona. Occhi cerchiati di nero indicano insonnia, scarsità di melatonina, o anche qualche scompenso tra sodio e potassio, o qualche problema assimilativo col ferro, o qualche problema di fegato. Occhi infossati sono segno di disidratazione e di insufficienza renale. C'è da dire che viviamo tutti in un mondo carico di tensione, di insidie, di inquinamento, per cui è facile purtroppo pagarne le conseguenze.

CONSIGLI FINALI

In linea generale suggerisco più camminate, più sole, più ginnastica facciale. Qualche alga in più, 2 cucchiaini al giorno di germe di grano. Uso regolare di farina di castagne, di patate dolci, di avocado, di germogli. Miele grezzo, semi di zucca, semini vari, rape piccanti, ravanelli, melegrane, mirtilli, vanno tutti bene contro eventuali parassiti intestinali.

Valdo Vaccaro

domenica 4 dicembre 2016

IL MIELOMA MULTIPLO NON È MOSTRO E NON È SPAURACCHIO


LETTERA

43ENNE SCONVOLTO DA DIAGNOSI MGUS

Ciao Valdo, avrei bisogno del tuo aiuto. Ho quasi 43 anni, vegano da 2 anni, stile di vita corretto, faccio sport. Tuttavia mi hanno diagnosticato un Mgus di media entità. Sono sconvolto. Che sconfitta!

PUÒ ESSERE TUTTO E PUÒ ESSERE NIENTE

L'ematologo, persona di grande umanità e comprensione, dice che può essere tutto e niente e che ora non evidenzia nulla, ma va tenuto sotto controllo. Con l'alimentazione cosa posso fare? Ho letto tutti i tuoi libri e ci siamo incontrati a 2 convegni tuoi. Aiutami, ti prego. Grazie.
Gianluca

*****

RISPOSTA

NON SIAMO IN BALIA DI SITUAZIONI DISPERANTI

Ciao Gianluca. Condivido la battuta del tuo ematologo e vado anche oltre. Può essere niente innanzitutto. Ma anche se anche fosse "tutto", con chissà quali spaventevoli contenuti, continuerebbe ad essere niente, visto che siamo tutti esseri dotati di formidabili strumenti di auto-guarigione che vanno mantenuti in essere, vanno apprezzati, vanno coltivati.

MAI LASCIARSI PRENDERE DALL'ANSIA

La prima cosa da fare pertanto è di liberarsi di ogni panico, di ogni sconvolgimento e di ogni senso di sconfitta. Pensar male produce grossi danni e occorre modificare tali atteggiamenti in quanto improduttivi ed autolesionisti Leggiti piuttosto le mie tesine sull'argomento, come "Gammopatie monoclonali, amiloidosi ed immunoglobuline", del 16/2/13, e " Gammopatia monoclonale e cistite da eccesso lavorativo, del 6/3/16. Non esistono mostri e non esistono spauracchi. I problemi si presentano per essere risolti.

MECCANISMI DELLA MCUS, MONOCLONAL GAMMOPATY OF UNDETERMINED SIGNIFICANCE

Nel mieloma multiplo, un gruppo di plasmacellule (cellule di mieloma) si moltiplicano, aumentando il numero di cellule plasmatiche superiore al livello normale. Dal momento che queste cellule normalmente producono proteine ​​sottoforma di anticorpi, il livello di proteine ​​anomale nel sangue può aumentare. I problemi di salute causati dal mieloma multiplo possono influenzare ossa, sistema immunitario, reni e globuli rossi.

SINTOMI

Segni e sintomi di mieloma multiplo possono variare da persona a persona. All'inizio della malattia, la condizione può non causare alcun sintomo. Col progredire della malattia, è probabile che si verifichi almeno uno dei quattro grandi problemi comuni al mieloma multiplo, che comprendono 1) Elevato livello di calcio nel sangue. Ciò può verificarsi quando il calcio dalle ossa colpite compare nel sangue. Alti livelli di calcio causano sete eccessiva, nausea, costipazione, perdita di appetito e di confusione. 2) Insufficienza renale. Alti livelli di proteine ​​monoclonali anormali (proteine ​​M), che sono chiamati catene leggere o proteine ​​di Bence Jones, danneggiano i reni. 3) Anemia e fatica.
4) Danno osseo e fratture. Il dolore osseo è un sintomo comune, soprattutto nella schiena, bacino, coste e cranio. 5) Altri segni del mieloma multiplo possono includere polmonite, sinusite, vescicali, dermatiti, herpes zoste, perdita di peso, debolezza o intorpidimento alle gambe.

CAUSE

Anche se la causa esatta non è nota, i medici sanno che il mieloma multiplo inizia con una cellula anormale nel midollo osseo. Questa cellula anomala inizia a moltiplicarsi. Poiché le cellule cancerose anomale non maturano e non muoiono come le cellule normali, si accumulano travolgendo la produzione di cellule sane. Nel midollo osseo sano, meno del 5 per cento delle cellule sono cellule plasmatiche. Ma nelle persone con mieloma multiplo, più del 10 per cento delle cellule possono essere cellule plasmatiche. Una incontrollata crescita delle cellule del plasma può danneggiare le ossa e il tessuto circostante. Può anche interferire con la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni, inibendo la produzione del corpo di anticorpi normali.

TUTTO SOMMATO IL PROBLEMA È RARO ED È ANCHE REMISSIBILE NATURALMENTE

Il mieloma multiplo quasi sempre inizia come una condizione relativamente benigna chiamata gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS). Negli Stati Uniti, circa il 3 per cento delle persone di età superiore ai 50 anni hanno la MGUS. Ogni anno, circa l'1 per cento delle persone con MGUS sviluppa il mieloma multiplo o un tumore correlato. 

FATTORI DI RISCHIO

Il mieloma multiplo non è contagioso. Alcuni fattori che possono aumentare il rischio di mieloma multiplo sono: 1) Età superiore ai 50, 2) Sesso maschile, 3) Obesità, 4) Esposizione alle radiazioni, 5) Lavoro nel settore petrolifero. Si raccomanda una alimentazione vitale e crudista, un rispetto del nostro pacchetto salute, un controllo del peso forma e un sistema immune da difendere in continuazione

Valdo Vaccaro