Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Attenzione: se non funziona "CERCA NEL BLOG" usa questo link (basterà cambiare il termine di ricerca con quello di tuo interesse)

giovedì 26 maggio 2016

ESSERE PREFERITO A PROIETTI MI GALVANIZZA NON POCO


LETTERA

LE FORMULE DEL DR PROIETTI NON VENGONO APPREZZATE DAL MIO BAMBINO

Caro Valdo, ormai mio figlio ha compiuto 16 mesi e dopo la visita dal pediatra pesa 8,950 per  una altezza di 78 cm. Ormai il latte di mia moglie continua a scarseggiare e il dr Luciano Proietti, dal suo libro Figli Vegetariani consiglia, in assenza di latte materno, il latte formulato di riso o soia. Ho provato a dargli il latte formulato di riso ma non ne vuole sapere, mentre il latte di soia è difficile da reperire.

VA MOLTO MEGLIO COL TUO LATTE DI AVENA E LA FARINA DI CASTAGNE

Così ho preso qualche spunto dalle tue tesine. Ho preparato una pappa con latte di avena, aggiungendoci muesli, uvetta, 1 cucchiaio di farina di castagne e 1 cucchiaino di miele grezzo e devo dire che lo gradisce. In alternativa gli propongo latte di avena con 1 banana e uvetta. 

PASTINE, LEGUMI E PATATE A COMPLETAMENTO

Due volte a settimana gli facciamo la pastina con i legumi e poi le altre volte patate e sugo, ricotta di capra e sugo, ed altri cibi naturali di suo gradimento. Pastina a pranzo e cena o riso al posto della pastina. Dove ci sono le proteine animali non gli spolvero la farina dei semi di sesamo, di semi di zucca o di girasole visto che non possono essere combinate.

ECCO LA GIORNATA-TIPO DEL MIO PICCOLO

Mattina: Pappa di avena e muesli macinato, 1 cucchiaio farina castagne, 1 cucchiaino di miele.
Pranzo: Pastina con legumi. Merenda: Yogurt e centrifugato di carote e mela. Cena: Pasta con formaggino bio della Hipp. Sbagliamo in qualcosa? Il nostro piccolo è super attivo e in salute.
Spero con questo menu di sostituire al meglio il latte formulato. Distinti saluti. 
Angelo

*****

RISPOSTA

IL VOSTRO PICCOLO EROE HA BUON APPETITO OLTRE CHE BUON GUSTO

Ciao Angelo. Il fatto che il vostro piccolo stia bene, sia super-attivo e in piena forma già risponde
al tuo punto interrogativo. Il fatto poi che esprima con decisione le sue preferenze personali è un altro buon segnale. Mi fa molto piacere che la mia formula venga preferita a quella del dr Luciano Proietti, che gode peraltro di ottima e meritata fama in campo pediatrico.

TUTTO STA ANDANDO MAGNIFICAMENTE

Pertanto penso che le cose stiano andando per il verso giusto. Suggerisco di utilizzare a fianco o in alternativa all'ottima farina di castagne anche la tapioca, ovvero la farina di manioca, radice tropicale ricca di amido digeribile e di fecola ad alto valore nutritivo. Pure la farina di carruba ha una buona reputazione. Anche il latte di mandorla va preso in attenta considerazione. Strano comunque che il latte di soia non sia facilmente reperibile. Direi per concludere che le patate dolci dovrebbero trovare spazio nel menu del vostro bambino.

Valdo Vaccaro

STIPSI CRONICA ALLE ORIGINI DI OGNI POSSIBILE MALATTIA


LETTERA

SOFFRO DA SEMPRE DI STIPSI CRONICA

Buona sera dottor Vaccaro, sono Maria ho 45 anni e le avevo già scritto per un altro problema ma questo penso che sia il più cronico. Soffro di stipsi da quasi sempre. Non riesco a risolvere con niente, pur facendo un'alimentazione sana, pur mangiando frutta e verdura in prevalenza.

SITUAZIONE DISPERATA, CON PRURITO, CROSTE E TAGLI ALLE MANI

Da una settimana sto prendendo la manna pura. Ovviamente è presto per vedere i risultati, ma io sono disperata. Questo comporta anche un continuo prurito sulle mani che forma croste e tagli. Vorrei essere consigliata passo dopo passo per un tipo alimentazione adatta e con dosi adeguate. La ringrazio e la saluto.
Maria

*****

RISPOSTA

STITICHEZZA ALLE ORIGINI DI OGNI MALATTIA

Ciao Maria. La stitichezza è sottovalutata da troppa gente, mentre è una questione di vitale importanza, essendo essa all'origine di ogni malattia. Per stipsi o stitichezza o costipazione si indica il ritardo o l'insufficienza nelle evacuazioni intestinali. Non risolvere il problema della stitichezza significa condannarsi a vivere male per mesi e per anni.

PERICOLOSA SOTTOVALUTAZIONE DEL PROBLEMA

La maggior parte della gente non sa nemmeno di essere stitica, e non sa che questa condizione pericolosa e rischiosa deriva da alimentazione inadeguata, da vita sedentaria, da carenza di esercizio fisico all'aria aperta, da respirazione alta e corta, da insufficiente esposizione solare, da un sangue guasto che toglie energia nervosa al corpo e che è la risultante di digestioni non rapide, semplici e complete come dovrebbero sempre essere, ma di digestioni al contrario complesse e difficili.

CIBI AMICI E CIBI NEMICI

Tutto sta nella scelta dei cibi che devono essere naturali e vitali, con minima o con nessuna presenza di prodotti di derivazione animale. Pane bianco, riso bianco, pasta bianca, latte, formaggi stagionati, farine raffinate, zuccheri raffinati, dolci, cioccolata, cibi grassi, caffè, bibite e simili ritardano il movimento intestinale, mentre al contrario pane integrale, pasta integrale, riso integrale, fiocchi d'avena, orzo, miglio, saraceno, frutta acquosa e frutta da guscio, verdure crude masticate accuratamente e verdure cotte ma non troppo, inclusive di radicchi, valeriana, cavoli, tarassaco, acetosa, alghe, bietole, lattuga, melanzana, patata, spinacio, topinambur, zucca, carciofi, pomodori, finocchi, germogli, legumi, miele grezzo e al limite qualche uovo sodo per i vegetariani non-vegani, ci aiuterebbero a mantenerci nella migliore forma possibile. La frutta più utile per contrastare la stitichezza include ciliegie, fico, fragola, more di gelso nero, more di rovo, lampone, mirtillo, oliva, pesca, ribes, uva.

LA RITENZIONE FECALE COMPORTA PEDSANTI CONSEGUENZE

Le feci sono il rifiuto dell'intestino e includono pure le scorie interne, i detriti cellulari da moria e ricambio fisiologico giornaliero, equivalenti in media a 200 grammi di cellule gastro-intestinali e da altri 100 grammi di cellule cerebrali, nervose e del sangue. Se le feci vengono ritenute nell'intestino per stitichezza, provocano fenomeni come la fermentazione, la putrefazione e l'ostruzione metabolica.

OCCORRE NORMALIZZARE LA FUNZIONE DIGESTIVA

Le malattie più gravi, come le cerebrali, le malattie del sistema nervoso, degli occhi, dell'udito, di naso, gola e polmoni, del cuore, del fegato, dell'appendice e della milza, della vescica e della prostata, delle ovaie e della matrice uterina hanno quale causa comune la stitichezza. Questo discorso vale ovviamente per varici, flebiti, emorroidi, flussi vaginali, disordini del mestruo, tumori, affezioni sessuali ed eruzioni cutanee. La medicina purtroppo non cura la stitichezza ma si limita a prescrivere supposte, lassativi e purganti a base di vaselina e simili, tutti prodotti non mirati a normalizzare la funzione digestiva.

QUALCHE STRATEGIA DI AIUTO

Un cucchiaio di semi di lino messi in ammollo la sera prima, più una manciata di prugne secche e un cucchiaio di miele grezzo può agire da lassativo naturale che non irrita e non infiamma l'intestino come i farmaci. Una mezza patata cruda messa nella centrifuga assieme a 4 carote, 1 costa di sedano e una fetta di ananas o una mela, fa pure da ottimo lassativo. Teniamo anche presente che la stitichezza è il maggiore nemico del fegato.

GLI SCHEMI ALIMENTARI FUNZIONANO SOLO SE SOSTENIBILI E PERSONALIZZATI

Purtroppo non sono in grado di seguire i lettori passo dopo passo. Impossibile poi stabilire dosi. Gli schemi alimentari non funzionano in quanto ognuno è diverso dagli altri, avendo una sua storia, un suo stock tossico da smaltire, un suo peso forma, un assieme di sue esigenze specifiche particolari. D'altra parte esistono sul blog tesine ed istruzioni in grado di darti assistenza. Basterà rispettare i principi basilari, per i quali si assumono prima il crudo e poi il cotto, prima gli alimenti a veloce digeribilità e poi gli altri. Frutta acquosa lontano dai pasti e preferibilmente in mattinata. Dosi e quantitativi si stabiliscono in base alla sazietà, dettata dai sensori di fame e di sete. Alimenti super- digeribili l'insalata di patate con olio extravergine e cipolla cruda a fette, nonché i fagiolini con aglio crudo sminuzzato.

TESINE DA LEGGERE

- Voglio uscire dall'incubo della cattiva digestione, del 2/5/16
- Mangiare da artisti o mangiare da sciocchi? del 20/3/16
- Dieta vegan-crudista tendenziale e sostenibile contro acne, stipsi ed endometriosi, del 17/1/16
- Digerire bene significa equilibrio funzionale di duodeno, intestino, fegato, reni e pancreas, del     14/1/16
- Riequilibrio gastrico e ricettività intestinale per uscire dal tunnel, del 5/1/16

Valdo Vaccaro