Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 1 gennaio 2013

MESOTHELIOMA FROM ASBESTOS EXPOSURE


LETTER

AN AUSTRALIAN COUSIN DIAGNOSED THAT WAY

Dear Dr Vaccaro, As a Dutch friend of Dr Claudio Natarella I would appreciate your advise on the next matter. A cousin of mine, 70 years old, living in Australia, unfortunately has been diagnosed with mesothelioma. Several years ago his younger brother died shortly after the same diagnosis. As electrical fitter in his own company he has been exposed to asbestos many times during the days one did not know about the negative effects on health. Could you please mail me what you would prescribe in this particular case? Kind regards.
Ymkje Oosthoek from Holland

*****

ANSWER

THE ASBESTOS DRAMA IS PENDING ON THE HEAD OF TOO MANY PEOPLE

Dear Ymkje, the problem of asbestos can be considered in many ways a real catastrophe. The people diagnosed with MM or malignant mesothelioma is due to increase with highest peaks between the year 2020 and the 2029. The forecast has got tremendous figures for Western Europe, with 250000 ex-workers and ex-soldiers expected to die within the year 2029. Finland has a rate of 18 cases per million, France 18, Germany 16, Great Britain 39, Italy 21, Holland 30, Norway 16 and Sweden 20. The incredible thing is that there are still important countries where the production of asbestos and the use of asbestos products is going on, as China, Russia, Kazakhstan, Brazil and Canada.

MESOTHELIUM AND MESOTHELIOMA

In anatomy mesothelium is the name of the thin membrane which covers and protects the lungs. It is made of 2 strata. The first one surrounding the lungs (visceral pleura) and the second forming a sac-shaped coat around the lungs, with a small quantity of lubricating liquid circulating in the gap which allows the expansion of lungs in the thorax during the respiration. The most common form of mesothelioma (over 80%) develops on the coating and the above mentioned pulmonary pleura. Less common are the mesotheliomas on the serous membranes which cover other body structures as the abdomen (peritoneal mesothelioma), and the heart (pericardial mesothelioma).

BREATHING ASBESTOS FIBRES PLUS OTHER ADDITIONAL REASONS

No doubt that the disease is hitting people who has breathed asbestos fibres and powders even 20 to 50 years earlier. There are still some controversies about other correlated causes, as not all workers in contact with the asbestos are developing the disease. Some doctors are evoking the SV40 virus and even the Hiv virus, forgetting that SV40 is nothing else than a dead cellular debris in accumulation and never involved as a causative factor, and that the Hiv-Aids spectrum is a pure invention of the American CDC (Central Disease Control). It makes sense saying that everybody has got a different level of tolerance to poisons, according to the amount of pre-existing toxicity in his blood and in his system.

THE SYMPTOMS OF THE DISEASE

The symptoms of the mesothelioma are: A) Pains on the low part of the back and on the lateral parts of thorax, B) Weight loss, C) Nausea and vomit, D) Fatigue, E) Difficulty in swallowing, F) Myasthenia or muscle weakness, G) Breathing difficulties.

MEDICINE HAS NO VALID SOLUTION TO OFFER

According to medicine there is no cure available to solve the problem, apart resorting to radio and chemotherapy, using cisplatino and pemetrexed, or carboplatino plus gemcitabina and vinorelbina, with partial and temporary results. Other surgical solutions, more extreme and devastating are the pleurectomia and the decortication, or the thoracentesis, a removal of the pleura liquid through a needle absorber. None of the present medical therapies is considered valid and satisfactory, even medical doctors fully agree on that.

CHEMICAL CHELATIONS CAN BE INSIDIOUS

For all heavy metal pollutions, including cases of mercury, aluminium, iron, cadmium, deposited in the body, it is quite common nowadays going for chelations. Chelation is a chemical reaction where a metallic atom, behaving as a Lewis acid, is bound or captured by a chelant agent. According to the Lewis theory (1916), an acid is a substance capable of accepting a double electron from another chemical species called basis and suitable for donating them.

READ AND TRANSLATE ONE OF MY PREVIOUS ARTICLES

The chemical chelations are based on chelating-agents substances as A) EDTA (acid ethylendiaminotetracetic), B) DMSA (dimercaptosuccinic acid), C) ALA (deltaminolevalemic acid), D) Dimercaptopropanol, E) Penicillamine, F) Deferoxamine, G)Trientine, H) Deferiprone. I wrote an article dated 30 May 2011 on this subject, and you can get it on my blog www.valdovaccaro.blogspot.it, in Italian language (you can press "translate"), entitled "Mercury the most toxic mineral after plutonium", where I explain the reasons why Natural Hygiene is against such aggressive chemical methods.

BIOLOGIC WATER IS THE BEST SOLUTION AND THE ONLY REAL SOLUTION

The best way to chelate heavy mineral deposits from the body, without causing collateral effects, is the adoption of a vital and raw natural diet, rich in biologic water and of micronutrients, with vitamins C and E, with the B group, with all the mix of hormones, enzymes, growth facctors and organic minerals. The citrus fruits acids are superlative for that purpose. Every natural products rich in sulphur are equally important (see watercress, rocket, radish, cren, cauliflower, cabbage, beet, cucumber, celery, avocado, onion, carrot). Zinc and selenium, efficient capturers of ions, can be found in wheat germ and in whole cereals. One of the most efficient plants for this kind of job is the coriander (Thai parsley). Also garlic, spirulina water algae, chlorella, rosemary, sage, mint and thymus are excellent resources for re-establishing a good mineral equilibrium.

IT'S A MATTER OF DEFEATING WATER RETENTION AND MINERAL RETENTION

If somebody maintains his 30-40 litres of internal waters in relative pure conditions, he has no difficulties in renewing his internal body fluids. But the one who is already loaded with inorganic minerals, with uric acids, with caffein, with drugs and vaccines residuals, and other corrosive products, has surely some extra difficulties in expelling even a single glass of water, due to the big degree of liquid and metal retention. If somebody drinks a glass of cola, he should realise that he needs 30 glasses of water to dilute and solve its high acidity.

HUMANITY IS FIVE TIMES MORE POLLUTED TODAY THAN 100 YEARS AGO

In 1917 Arnold Ehret used to say that human beings where characterised by an internal pollution beyond any imagination. If we consider that today's humanity has got 5 times more mercury and lead than 100 years ago, we can just realise in which devastated conditions we are.

SIX ADVISES FOR YOUR COUSIN

For your cousin in Australia I have the following advise. Number one, no use of mentioning the case of his brother. All of us are different. Thinking negative means creating anxiety, a feeling which poisons even more than asbestos. Number two, Australia is enjoying at the moment a Summer climate. A diet including watermelon and mellon, cherries and peaches, raspberries and mangoes, blackcurrant and blueberries, strawberries and gooseberries, can be just extraordinary in its chelating effects. Number three, movement, deep breathing and sweating are all useful to send progressively out all poisons. Number four, avoid all medical treatments, all drugs and all integrators. Number five, adopt all advises over mentioned, including eventually spirulina and chlorella. Number six, change dramatically his life-style and start right away with a vegan diet, raw as much as possible, with abundant use of centrifuged roots and vegetables. My text "24000 diseases, one prevention, one cure" (www.drvaccaro.com), can probably give you some more ideas.

Valdo Vaccaro

*****

TRANSLATION INTO ITALIAN

*****

MESOTELIOMA DA ESPOSIZIONE ALL' AMIANTO

LETTERA

UN CUGINO AUSTRALIANO DIAGNOSTICATO

Caro Dr Vaccaro, Come amico olandese del dr Claudio Natarella gradirei un suo consiglio su un problema appena sortomi. A un mio cugino di 70 anni, che vive in Australia, è stato diagnosticato un mesotelioma. Molti anni fa perse suo fratello minore in circostanze drammatiche, visto che morì poco tempo dopo aver ricevuto la stessa diagnosi. Nella sua qualità di aggiustatore elettricista nella sua azienda, è stato esposto all'amianto ripetutamente, quando ancora non si conoscevano i pericoli di tale veleno per la salute. Può comunicarmi le soluzioni naturali possibili per un caso del genere? Saluti.
Ymkje Oosthoek dall'Olanda

*****

RISPOSTA

IL DRAMMA DELL'AMIANTO PENDE SULLA TESTA DI TROPPA GENTE

Caro Ymkje, il problema dell'amianto può essere considerato una reale catastrofe. La gente diagnosticata con MM o mesotelioma maligno è numerosa, ma i picchi più alti di pazienti in sofferenza sono attesi tra il 2020 e il 2029. Le cifre sono tremende per l'Europa Occidentale, con 250000 ex-lavoratori ed ex-militari sottoposti a rischio di morte entro l'anno 2029. La Finlandia ha 18 casi per milione, la Germania 16, il Regno Unito 39, l'Italia 21, l'Olanda 30, la Norvegia 16 e la Svezia 20. La cosa incredibile è che ci sono tuttora grossi paesi dove la produzione di amianto continua come nulla fosse, e ci riferiamo a Cina, Russia, Kazakhstan, Brasile e Canada.

MESOTELIO E MESOTELIOMA

Per mesotelio si intende la sottile membrana composta da due strati a copertura e protezione dei polmoni. Il primo strato circonda il tessuto polmonare, mentre il secondo forma un rivestimento a sacco, lasciando all'interno un'intercapedine che permette ai polmoni di espandersi all'interno della gabbia toracica durante la respirazione. In questa intercapedine circola una piccola quantità di liquido pleurico che fa da lubrificante. La forma più comune di mesotelioma, per oltre l'80% dei casi, si sviluppa sul rivestimento pleurico polmonare. Meno comuni sono i mesoteliomi che colpiscono le membrane mucose che coprono strutture di altri organi interni come l'addome ( mesotelioma peritoneale) e il cuore (mesotelioma pericardico).

RESPIRAZIONE DI FIBRE D'AMIANTO PIU' ALTRI MOTIVI

Nessun dubbio che la malattia in questione colpisca chi avesse respirato fibre e polveri di amianto anche 20-50 anni prima. Ci sono tuttora delle controversie sul fatto che non tutti i lavoratori venuti in contatto con tale veleno sviluppano il tumore. Alcuni medici tirano in ballo il solito companatico virale tipo l'SV40 e persino il virus Hiv, ignari che l'SV40 non è altro che un detrito cellulare morto e non addebitabile di effetti causativi, e che lo spettro Hiv-Aids è una pura invenzione del CDC americano (Central Disease Control). Ha semmai senso dire che ognuno di noi è dotato di diversi livelli di tolleranza ai veleni, a seconda dell'ammontare di pre-esistente tossicità accumulata nel sangue e nel sistema.

I SINTOMI DELLA MALATTIA

I sintomi della malattia sono: A) Dolori alla parte bassa della schiena e ai lati del torace, B) Perdita di peso, C) Nausea e vomito, D) Affaticamento generale, E) Difficoltà nel deglutire, F) Miastenia o debolezza muscolare, G) Difficoltà respiratorie (mancanza di fiato).

LA MEDICINA NON HA VALIDE SOLUZIONI PER QUESTA MALATTIA CONSIDERATA INCURABILE

Per la medicina non esistono possibilità curative ma solo interventi tesi a ridurre in qualche modo l'intensità dei sintomi. Si ricorre a radio e chemioterapia, usando cisplatino e pemetrexed, o carboplatino più gemcitabina e vinorelbina, con risultati parziali e temporanei. Esistono pure soluzioni chirurgiche, piuttosto devastanti, come la decorticazione e la rimozione del rivestimento pleurico, oltre che la toracentesi, ossia l'estrazione del liquido pleurico mediante inserimento di un lungo ago assorbente.

LE CHELAZIONI CHIMICHE POSSONO ESSERE INSIDIOSE

Per gli inquinamenti da metalli pesanti, inclusi casi di mercurio, alluminio, ferro, cadmio, depositati nel corpo, è assai comune ricorrere alla chelazione chimica. La chelazione è una reazione dove l'atomo di un metallo, che si comporta come un acido di Lewis, viene legato e catturato da un agente chelante. Per la teoria di Lewis (1916), l'acido è una sostanza capace di prendersi un doppio elettrone da un'altra specie chimica chiamata base, adatta a donarlo.

LEGGERE E TRADURRE UNA DELLE MIE TESINE SULL'ARGOMENTO

Le chelazioni chimiche sono basate su agenti chetanti come A) EDTA (acido etilendiamminotetracetico), B) DMSA (acido dimercaptosuccinico), C) ALA (acido deltaminolevalenico), D) Dimercaptopropanolo, E) Penicillamine, F) Deferoxamine, G) Trientine, H) Deferiprone. Ho scritto un articolo in data 30/5/11 su questo argomento, ed è reperibile sul blog www.valdovaccaro.blogspot.it, col titolo "Mercurio, il minerale più tossico dopo il plutonio", dove spiego le ragioni per cui l'Igiene Naturale è contraria a tali metodi aggressivi.

L'ACQUA BIOLOGICA E' LA MIGLIORE SOLUZIONE OLTRE CHE L'UNICA

Il miglior modo di chelare i minerali pesanti dal corpo, senza causare indesiderati effetti collaterali, è l'adozione di una dieta vitale, cruda e naturale, ricca di acqua biologica e di micronutrienti, con vitamina C ed E, col gruppo B, con tutto il mix necessario di ormoni, enzimi, fattori di crescita e minerali organici. Gli agrumi son straordinari . Anche i vegetali ricchi di zolfo fanno un ottimo lavoro detossificante (vedi crescione, ortica, rucola, ravanelli, cren, cavolfiore, cavolo, cavolino, bietola, rapa, cetriolo, sedano, avocado, cipolla e carota). Zinco e selenio sono efficaci catturatoti di ioni minerali e si trovano nel germe di grano e nei cereali integrali. Una delle piante più interessanti in questo campo è il coriandolo (prezzemolo thailandese). Anche l'aglio, la spirulina, la clorella, il rosmarino, la salvia, la menta e il timo rappresentano eccellenti risorse per ristabilire un buon equilibrio minerale.

E' UNA QUESTIONE DI SCONFIGGERE LA RITENZIONE IDRICA E LA RITENZIONE MINERALE

Se qualcuno mantiene i suoi 30-40 litri di acque interne in condizioni di relativa purezza, non ha grosse difficoltà a rinnovare i suoi liquidi. Ma chi è già sovraccarico di minerali inorganici, di acidi urici, di caffeina, di residui vaccino-farmacologici e di altri prodotti corrosivi, incontra grosse difficoltà ad espellere persino il singolo bicchiere d'acqua, per colpa dell'alto grado di ritenzione idrico-minerale del suo corpo. Se qualcuno beve un bicchiere di cola poi, farà bene a prender nota che gli serve una trentina di bicchieri d'acqua per diluire l'acidità regalata da quella bevanda.

L'UMANITA' ODIERNA E' CINQUE VOLTE PIU' INQUINATA DI UN SECOLO FA

Nel 1917 Arnold Ehret scrisse che la sporcizia interna dell'uomo è qualcosa di inimmaginabile. Se consideriamo che l'umanità odierna si porta addosso 5 volte più piombo mercurio di 100 anni fa i conti sono presto fatti.

SEI CONSIGLI PER TUO CUGINO

Ho 6 suggerimenti da fare. Numero uno, non è il caso di pensare alla morte del fratello, visto che ognuno di noi è profondamente diverso. Pensare poi in negativo significa creare inutili ansie, ovvero emozioni che avvelenano più dell'amianto stesso. Numero due, l'Australia almomento vive la sua stagione estiva. Una dieta includente anguria e meloni, ciliegie e pesche, lamponi e manghi, ribes e mirtilli, fragole e uva spina, può essere efficacissima nei suoi effetti disgreganti e chelanti. Numero tre, movimento, respirazioni profonde e sudore sono tutte cose utili per smaltire i veleni. Numero quattro, evitare i trattamentimedici, evitare farmaci ed integratori. Numero cinque, adottare tutti i consigli sopra accennati, includendo eventualmente spirulina e clorella. Numero sei, cambiare radicalmente il proprio stile di vita e adottare una dieta vegana, il più possibile cruda, con abbondanza di tuberi e di vegetali. Il mio testo "24000 Diseases, one prevention, one cure" (www.drvaccaro.com) può darti una mano in questo.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento